basso

TAMO è un museo dedicato al mosaico che ha sede nella splendida chiesa trecentesca di San Nicolò.

Propone un affascinante percorso attraverso mosaici eccellenti dal patrimonio musivo di Ravenna e del suo territorio, molti dei quali inediti, che dall’epoca antica giungono sino alle produzioni moderne e contemporanee.

I cartoni di grandi maestri del restauro, le sinopie e la sezione dedicata ai materiali, con gli smalti e i vetri a foglia d’oro della vetreria Angelo Orsoni di Venezia, danno vita ad un percorso che introduce il visitatore in un “laboratorio” dell’Arte del Mosaico e lo accompagna a scoprire come il “fare” mosaico non sia un semplice procedimento tecnico, ma un meraviglioso linguaggio artistico, autonomo e complesso.

alto_bambini

Tamo presenta anche la sezione Mosaici tra Inferno e Paradiso dedicata ai mosaici a tema dantesco di grandi autori del Novecento italiano e la sala espositiva permanente Il Genio delle acque, con pavimenti musivi della domus imperiale romana rinvenuta in Piazza Anita Garibaldi.

Dal 12 marzo, inoltre, ospiterà la mostra fotografica S.I.R.I.A. Salvezza Illuminazione Redenzione nell’Iconografia dell’Architettura – Mosaici pavimentali siriani. L’esposizione, curata da Giovanna Bucci con la consulenza scientifica di Paolo Racagni, illustra pavimenti musivi della Siria settentrionale con tematiche architettoniche dall’intenso valore simbolico, attraverso immagini di reperti inediti o poco noti, testimonianze di uno straordinario patrimonio culturale in pericolo e, oggi, in gravi condizioni. I visitatori verranno accompagnati in un viaggio che affonda le radici nel nostro passato dove arte, archeologia e storia sono la lingua comune della conservazione, della tutela, dello studio, della cultura

I sistemi multimediali completano il percorso di TAMO con approfondimenti tematici e una grande videoproiezione che narra lo sviluppo del mosaico dalle origini al XIII secolo.

TAMO Tutta l’Avventura del Mosaico, è l’ideale punto di partenza per un viaggio alla scoperta del patrimonio culturale di Ravenna.

Lascia un commento